CLUBCASA.IT ... semplicemente tutto
email
pass   accedi»
HOMEPAGE ANNUNCI VALUTAZIONI CONSULENZA MUTUI ASSOCIATI BLOG & NEWS  
Ultime NotizieGlossario ImmobiliareDizionario ImmobiliareL'Esperto Risponde Cerca un ProfessionistaLink Utili Contattaci
Sono state trovate 207 corrispondenze...
Se non riesci a trovare tra i vari quesiti una risposta ai tuoi dubbi, rivolgi una domanda agli esperti riceverai una risposta gratuitamente entro breve tempo.
torna all'indice 
visualizza pagina 1 2 3 4 5 succ
  Comodato d'uso quesito del 24-07-13
Domanda  vorrei dare in comodato d'uso una stanza del mio appartamento, vorrei sapere quali obblighi legali e fiscali ne derivano? Mi sembra di dover fare la denuncia alla Polizia. La persona puň prendere la residenza ?
grazie
Risposta  Buongiorno a Lei, la risposta al quesito, data la complessitŕ ed il numero delle domande č la seguente: il nostro studio redige pareri e instaura controversie a tariffe agevolate per chi accede al nostro sito online sotto riportato.
Ci contatti per concordare il costo del parere, che, a seguito del bonifico, Le verrŕ inviato per iscritto via mail.
Restiamo a disposizione per quanto Le occorra.

Cordialitŕ
x Studio Legale Tusa Salvetti
Avv.Laura Salvetti
-----------------------
C.so Buenos Aires, 10
20124 – Milano
Tel e fax 02.29534554 - 3406719669
e-mail segreteria@studiolegaletusasalvetti.it
http://www.studiolegaletusasalvetti.it/
Laura Maria Rachele Salvetti      contatta Laura Maria Rachele Salvetti contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Comodato d'uso quesito del 03-12-12
Domanda  posso dare in comodato d'uso un appartamento a persone che non siano parenti registrando il contratto all'Agenzia delle Entrate?
Grazie
Risposta  Buongiorno a Lei, senz'altro č possibile che Lei dia in comodato d'uso un appartamento a persone che non siano parenti registrando il contratto all'Agenzia delle Entrate.
Il nostro studio redige pareri e instaura controversie a tariffe agevolate per gli utenti di clubcasa.it
Resto a disposizione per quanto Le occorra.
Cordialitŕ
Avv.Laura Salvetti
-----------------------
C.so Buenos Aires, 10
20124 – Milano
Tel e fax 02.29534554 - 3406719669
e-mail segreteria@studiolegaletusasalvetti.it
http://www.studiolegaletusasalvetti.it/

Laura Maria Rachele Salvetti      contatta Laura Maria Rachele Salvetti contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Comodato d'uso quesito del 08-07-12
Domanda  Domande semplicissime: posso dare in comodato gratuito una stanza delle due del mio appartamento? Nell'altra risiederò io anche se per la borsa di studio di cui godo per alcuni periodi sarò all'estero o in altre cittĂ .
Quali le condizioni per redigere il contratto? Si corrono rischi?
Grazie
Franca
Risposta  Il contratto di comodato, soggetto alla disciplina degli artt. 1803-1812 del Codice Civile, consente ad una parte, comodante, di concedere all’altra, comodatario, un bene mobile o immobile affinchĂ© se ne serva per un tempo o un uso determinato, con l’obbligo di restituire lo stesso bene. Quanto alle condizioni del contratto, i contratti di comodato di immobili devono essere registrati entro 20 giorni dalla loro stipula, indipendentemente dalla forma in cui sono stati contratti (atto pubblico, scrittura privata autenticata o non autenticata), presso qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate e bollati in duplice copia. “Il comodato è essenzialmente gratuito” qualora si basa sulla gratuitĂ  del contratto, esso trova la sua causa nel rapporto di cortesia e fiducia esistente tra le parti o su un’esigenza temporanea. Tuttavia è possibile un comodato oneroso o modale qualora sia previsto un onere, seppur di lievissima entitĂ  simbolica, a carico del comodatario stesso. La somma richiesta per il godimento del bene non deve integrare, dunque, un vero e proprio corrispettivo poichĂ©, in tal caso, si verifica la conversione in un contratto diverso quale quello di locazione.
La Cassazione ha qualificato come oneroso un comodato che prevedeva, da parte del comodatario, il pagamento di una somma periodica idonea al solo rimborso delle spese (Cass. 2001, n. 3021).
Avv. Patrizia Beltrami      contatta Avv. Patrizia Beltrami contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Comodato d'uso quesito del 19-01-12
Domanda  vorrei sapere, sulla base delle ultime novitĂ  fiscali, se è ancora possibile sottoscrivere un comodato gratuito.
Grazie
Risposta  Nessuna norma vieta la possibilitĂ  che il proprietario di un immobile decida di concederlo in godimento gratuito. Il relativo contratto dovrĂ  essere registrato a norma di legge.
Avv. Patrizia Beltrami      contatta Avv. Patrizia Beltrami contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Comodato d'uso quesito del 04-01-12
Domanda  mio figlio mi ha dato in comodato d'uso un suo piccolo appartamento. Posso affittarlo io a terzi con un contratto transitorio?
Grazie infinite per la risposta che potrete darmi
Gabriella Boccardo
Risposta 
In linea generale, è pacifico che il contratto di locazione possa essere sottoscritto anche dal mero detentore dell’immobile, a patto che sia garantito l’utilizzo del bene oggetto del contratto. Tuttavia, tale scelta potrebbe determinare la risoluzione del contratto di comodato qualora tale facoltà non sia accordata in detto atto.
Avv. Patrizia Beltrami      contatta Avv. Patrizia Beltrami contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Comodato d'uso quesito del 14-08-11
Domanda  Sono un Odontoiatra che esecita la professione in un appartamento di proprietĂ  del padre che me lo ha dato in comodato gratuito.
Vorrei sapere due cose:
-Ho l'obbligo di registarare il contratto ad uso gratuito?
-Posso subaffittare una stanza ad un libero professionista? Ed in che modo? Con contratto di locazione o cos'altro?
Grazie
Risposta  Il comodato gratuito è un contratto che, in caso di controllo, dovrebbe avere data certa. Per acquisire tale certezza ci sono due modi:
1) registrazione all'Agenia delle Entrate (coto 168 € + marche da bollo)
2) spedizione per raccomandata in plico aperto senza busta così da far stampigliare il timbro postale direttamente sl contratto (in questo caso il più solerte dei controllori potrebbe eccepire, non a torto, la mancata corresponsione dell'imposta di registro ma mi parrebbe francamente non troppo probabile)
Per quanto concerne l'affitto di una stanza non ha problei; rintra nell'attività per cui la deve fatturare; se oltre alla stanza fornisce altri servizi (segreteria, attrezzature o altro) rischia che il contratto di servizio debba essere assoggettato ad Iva per cui forse sarebbe meglio fare un contratto di locazione che, nel caso di immobile strumentale, può non essere assoggettato ad Iva richiedendo nel contratto stesso l'esenzione da imposta. In questo caso la registrazione dello stesso è obbligatora.
Distinti saluti
Studio Filippo Scaffai & Partners      contatta Studio Filippo Scaffai & Partners contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
torna all'indice 
visualizza pagina 1 2 3 4 5 succ
ESPERTI
Centrosě S.r.l.
Avella massimiliano
Avvocato Rossella Ceccarini
Laura Maria Rachele Salvetti
Studio Filippo Scaffai & Partners
Property Global Service s.r.l
Geom. Oreste Terracciano
Studio Notarile Grumetto
   
   
Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet