CLUBCASA.IT ... semplicemente tutto
email
pass   accedi»
HOMEPAGE ANNUNCI VALUTAZIONI CONSULENZA MUTUI ASSOCIATI BLOG & NEWS  
Ultime NotizieGlossario ImmobiliareDizionario ImmobiliareL'Esperto Risponde Cerca un ProfessionistaLink Utili Contattaci
Sono state trovate 393 corrispondenze...
Se non riesci a trovare tra i vari quesiti una risposta ai tuoi dubbi, rivolgi una domanda agli esperti riceverai una risposta gratuitamente entro breve tempo.
torna all'indice 
visualizza pagina 1 2 3 4 5 succ
  Locazioni quesito del 29-04-13
Domanda  salve sono affittuariacon contratto 4+4 ho lasciato l'appartam. in dicembre con giusta causa senza preavviso in quanto mio papa'e' deceduto.la proprietaria ha trattenuto la caparra equivalente a 3 mesi affitto e ora mi ha scritto il suo legale chiedendomi6 mensilita' piu' danni.alla consegna delle chiavi risultava tutto in ordine ed ho aggiunto di tenere la caparra x eventuale lamatura parquet e una porta graffiata dal mio cane.inventa oggetti e danni mai subiti e non esistono foto che dimostrino quanto dice dato che nel contratto registrato lei stessa ha voluto cancellare la voce foto esistenti appartamento -come devo comportarmi? la ringrazio anticipatamente
Risposta  Buongiorno a Lei,
purtroppo mi č stato comunicato solo oggi il Suo quesito.
Occorre rispondere a quell'avvocato tramite un legale di fiducia.
Il nostro studio redige pareri e instaura controversie a tariffe agevolate per gli utenti di clubcasa.it
Resto a disposizione per quanto Le occorra.
Cordialitŕ
Avv.Laura Salvetti
-----------------------
C.so Buenos Aires, 10
20124 – Milano
Tel e fax 02.29534554 - 3406719669
e-mail segreteria@studiolegaletusasalvetti.it
http://www.studiolegaletusasalvetti.it/
Laura Maria Rachele Salvetti      contatta Laura Maria Rachele Salvetti contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Locazioni quesito del 06-04-13
Domanda  Salve,
sono il conduttore di un monolocale di 38 mq. dal 2008 ho un contratto regolare 4+4 con un affitto di 570,00 euro mese + 80,00 condominio mese dei quali ho sempre rispettato le scadenze per cui non vi č mai stato un solo ritardo. Circa un mese fa il padrone di casa si č presentato alla porta e dopo un giro di parole ha detto che le spese del riscaldamento per quest'anno erano molto alte (palazzo 16 piani circa 100 appartamenti) per cui alla fine mi son fatto convincere e gli ho fatto un assegno di 240,00 ad integrazione dei mille che gli do annualmente per il condominio; ora nell'ultima ricevuta d'affitto ha inserito anche questi 240,00 con la voce "concorso spese di riscaldamento anno 2010-2011" anche se l'accordo verbale era totalmente diverso in quanto i 240,00 euro erano riferiti all'anno corrente.
per quanto mi riguarda mi sento preso in giro e volevo sapere se tale comportamento č legittimo e se potevo fare qualcosa.la ringrazio anticipatamente per la risposta e se non ha tempo mi puo' indicare qualche riferimento che non costi troppo in quanto appartengo alla categoria dei 1000 euro al mese. grazie
Risposta  Buongiorno a Lei,
purtroppo mi č stato comunicato solo oggi il Suo quesito. Se Le occorre ancora la risposta sono a disposizione.
Il nostro studio redige pareri e instaura controversie a tariffe agevolate per gli utenti di clubcasa.it
Resto a disposizione per quanto Le occorra.
Cordialitŕ
Avv.Laura Salvetti
-----------------------
C.so Buenos Aires, 10
20124 – Milano
Tel e fax 02.29534554 - 3406719669
e-mail segreteria@studiolegaletusasalvetti.it
http://www.studiolegaletusasalvetti.it/
Laura Maria Rachele Salvetti      contatta Laura Maria Rachele Salvetti contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Locazioni quesito del 20-11-12
Domanda  sono conduttore dal 2005 di un contratto 4+4. Ho sempre pagato l'affitto e le spese condominiali nonostante il mio proprietario di casa non mi abbia mai fornito, nonostante le mie continue richieste (fino a luglio sempre verbali) nĂ© i verbali delle assemblee condominiali nĂ© tanto meno i riparti delle spese e le tabelle da cui controllare la correttezza delle spese richieste a titolo di conguaglio. Mi ha sempre fornito il dettaglio delle maggiori spese sostenute relative al riscaldamento, ascensore, acqua e pulizia su un semplice foglio scritto di suo pugno.

A luglio 2012 dopo l'ennesima richiesta avanzata dal proprietario in modo "scorretto" e nella cui richiesta mi veniva richiesta anche una somma a titolo di adeguamento ISTAT (somma risultata poi superiore rispetto ad una verifica effettuata sul web), mi sono deciso, forse tardi, a capire bene quali fossero i miei diritti. Mi sono così informato ed ho appreso che in qualità di inquilino avrei dovuto essere convocato alle assemblee condominiali ordinarie ed avrei addirittura dovuto e potuto votare sui punti previsti dall'art 10 della L.392/78. Ai sensi dell'art. 9 della stessa legge il proprietario era tenuto a fornirmi l'indicazione specifica delle spese, i criteri di ripartizione nonché permettermi di prendere visione dei documenti giustificativi delle stesse spese.

Non solo, se ho capito bene avrei dovuto ricevere convocazione anche per quelle assemblee aventi per oggetto punti su cui non avrei potuto votare ma comunque sarei potuto intervenire.

Ho quindi mandato una raccomandata al proprietario chiedendo tutto: le copie dei verbali ed i giustificativi delle spese nonché il riparto delle stesse da cui si evince la quota spettante al conduttore. Infine ho chiesto delucidazioni sul perché non mi abbia mai informato circa le assemblee.

Queste le mie domande:

1) essendosi tenuta nel mese di ottobre un ulteriore assemblea di cui non ho avuto convocazione e di cui non ero a conoscenza, avendo il proprietario inadempiuto al dovere di informarmi, è vero che posso rifiutarmi di pagare la maggiorazione delle spese di riscaldamento approvate in tale assemblea?
2) posso rifiutarmi di pagare anche le altre maggiorazioni deliberate anche se non avrei potuto votare in virtĂą del fatto che mi abbia impedito di partecipare?
3) se dai dettagli dovessi riscontrare delle scorrettezza posso richiedere la restituzione di tutto essendo io stato in buona fede?

grazie infinite

Rita
Risposta  Buongiorno a Lei,
Non puň rifiutarsi di pagare perchč le spese di riscaldalmento le spettano per obbligo contrattuale.
Se riscontra delle scorrettezze puň senz'altro richiedere le somme indebitamente versate.
Il nostro studio redige pareri e instaura controversie a tariffe agevolate per gli utenti di clubcasa.it
Resto a disposizione per quanto Le occorra.
Cordialitŕ
Avv.Laura Salvetti
-----------------------
C.so Buenos Aires, 10
20124 – Milano
Tel e fax 02.29534554 - 3406719669
e-mail segreteria@studiolegaletusasalvetti.it
http://www.studiolegaletusasalvetti.it/

Laura Maria Rachele Salvetti      contatta Laura Maria Rachele Salvetti contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Locazioni quesito del 03-10-12
Domanda  Ho un appartamento dato in locazione a una signora anziana per 200 euro mensili con contratto stipulato il 1 giugno 2007 per anni 4+ 4. Faccio presente che da allora non ha mai voluto concedermi nessun aumento di affitto e che i danni dentro l’appartamento devo pagarli io. Mi hanno detto che per tornare in possesso dell’appartamento alla sua regolare scadenza del 31 maggio 2015, devo darle una disdetta con raccomandata almeno sei mesi prima. E’ vero? Premetto che la signora ha 81 anni e dice di essere invalida al 100% per un problema alle gambe e non vuole andare via da quella casa perchĂ© è al piano terra. Vorrei sapere se, dati questi presupposti, è complicato tornare in possesso del mio appartamento o se devo avere un motivo altrettanto valido per dare disdetta. Se non dovessi trovare un motivo valido, lei ha la prioritĂ  sugli altri dato che è giĂ  dentro? In questo caso sono libera di chiederle una cifra piĂą alta (ad esempio 350 euro) oppure sono obbligata a tenermi intorno alle 200 euro che paga adesso visto che è pensionata e che ci abita giĂ  da tempo?
Risposta  Alla scadenza del contratto di locazione per rientrare nel pieno possesso dell’immobile è necessario dare comunicazione della “rinuncia al rinnovo” 6 mesi prima della scadenza del contratto, mediante lettera raccomandata, come espressamente stabilisce la disposizione di cui all’art. 2 l. 431/98 ; in caso contrario il contratto si ritiene tacitamente rinnovato. Nei casi, come questo, in cui l’occupante non intende liberare l’immobile alla fine della locazione, il locatore è legittimato a chiedere lo sfratto, dopo essersi munito di titolo esecutivo per il rilascio, c.d. convalida di sfratto. Si ricordi però che il c.d. decreto-legge “milleproroghe” ha previsto la proroga degli sfratti fino al 31 dicembre 2012, per particolari categorie sociali disagiate (ultrasessantenni, invalidi piĂą del 66%, malati terminali ecc.). Dunque, in considerazione dell’etĂ  e della invaliditĂ  al 100% della conduttrice potrĂ  essere chiesta l’attivazione di tale procedura. PotrĂ , d’altra parte, rinnovare il contratto a nuove condizioni e stabilire certamente un canone di locazione superiore a quello precedentemente concordato. Per completezza, rispondendo alla domanda sulla responsabilitĂ  dei danni causati nell’appartamento, si precisa che i danni dovuti alla normale usura spettano al locatore, quelli, invece, provocati personalmente dal conduttore spettano a lui pagarli.
Avv. Patrizia Beltrami      contatta Avv. Patrizia Beltrami contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Locazioni quesito del 22-09-12
Domanda  Dovendo affittare una casa a Roma sono obbligato a dichiarare la classificazione energetica e non facendolo a cosa vado incontro.
Grazie
Risposta  Dal 1 gennaio 2012 con il d.lgs. 28/2011, decreto Rinnovabili, è stato inserito, nell’art. 6 del d.lgs. 192/2005 il nuovo comma 2-ter, il quale dispone quanto segue: «Nei contratti di compravendita o di locazione di edifici o di singole unitĂ  immobiliari è inserita apposita clausola con la quale l'acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione in ordine alla certificazione energetica degli edifici. Nel caso di locazione, la disposizione si applica solo agli edifici e alle unitĂ  immobiliari giĂ  dotate di attestato di certificazione energetica ai sensi dei commi 1, 1-bis, 1-ter e 1-quater». Con l’introduzione della nuova norma non sono state previste sanzioni. Ad oggi, in materia di locazione, soltanto alcune Regioni risultano abbiano adottato una disciplina piĂą severa, con la previsione di specifiche sanzioni pecuniarie qualora la suddetta clausola non venga inserita nel contratto: Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Lombardia.
Avv. Patrizia Beltrami      contatta Avv. Patrizia Beltrami contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Locazioni quesito del 12-09-12
Domanda  il conduttore di un appartamento ha dato la disdetta perchè litigava con i vicini (anch'essi in locazione dallo stesso proprietario di casa). asserendo che vi fosse pericolo per la salute della di lui convivente a causa del comportamento dei vicini, ora pretende di non dovere alcunchĂ© a titolo di preavviso, invocando una "giusta causa". vi è la possibilitĂ  che la sua richiesta sia fondata?
grazie.
Risposta  Buongiorno a Lei, in tesi potrebbe vincere una vertenza, eprchè se dimostra mediante certificati medici, querele o quant'altro che lo stato di vivibilitĂ  è impossibile, il suo recesso non rpevede preavviso.
Il nostro studio redige pareri e instaura controversie a tariffe agevolate per gli utenti di clubcasa.it
Resto a disposizione per quanto Le occorra.
CordialitĂ 
Avv.Laura Salvetti
-----------------------
C.so Buenos Aires, 10
20124 – Milano
Tel e fax 02.29534554 - 3406719669
e-mail segreteria@studiolegaletusasalvetti.it
http://www.studiolegaletusasalvetti.it/
Laura Maria Rachele Salvetti      contatta Laura Maria Rachele Salvetti contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
torna all'indice 
visualizza pagina 1 2 3 4 5 succ
ESPERTI
Avv. Patrizia Beltrami
Avvocato Rossella Ceccarini
Studio Filippo Scaffai & Partners
Avella massimiliano
Laura Maria Rachele Salvetti
Centrosě S.r.l.
Property Global Service s.r.l
Geom. Oreste Terracciano
   
   
Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet