CLUBCASA.IT ... semplicemente tutto
email
pass   accedi»
HOMEPAGE ANNUNCI VALUTAZIONI CONSULENZA MUTUI ASSOCIATI BLOG & NEWS  
Ultime NotizieGlossario ImmobiliareDizionario ImmobiliareL'Esperto Risponde Cerca un ProfessionistaLink Utili Contattaci
Sono state trovate 294 corrispondenze...
Se non riesci a trovare tra i vari quesiti una risposta ai tuoi dubbi, rivolgi una domanda agli esperti riceverai una risposta gratuitamente entro breve tempo.
torna all'indice 
visualizza pagina prec 6 7 8 9 10 succ
  Compravendita quesito del 22-11-10
Domanda  Buon giorno,

l'anno scorso mia moglie ha acquistato un bilocale nel comune di Milano e non avendo mai usufruito dell'agovolazione prima casa ne ha fatto richiesta.
Per il momento io e mia moglie risediamo in un altro comune (San Donato Milanese) e ci stavamo chiedendo se, per evitare la decadenza di tali benefici, fosse indispensabile il cambio di residenza oppure se fosse sufficiente il fatto che lei lavora da 22 anni nel comune dell'immobile acquistato.

Grazie 1000 in anticipo per l'aiuto,
Rocca Franco
Risposta  occorre la residenza
Buongiorno a Lei,
Resto a disposizione per quanto Le occorra.
Cordialità
Avv.Laura Salvetti
-----------------------
C.so Buenos Aires, 10
20124 – Milano
Tel e fax 02.29534554
e-mail lsalvet@tin.it

Laura Maria Rachele Salvetti      contatta Laura Maria Rachele Salvetti contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Compravendita quesito del 20-11-10
Domanda  Mi posso rivalere su contratto di compravendita?
Salve,sono una ragazza di 28 anni e le spiego in breve. Ho venduto il mio appartamento fretta e furia per fare un altro rogito verso la metà di novembre. Ora non ho casa perchè il geometra dei venditori si è dimenticato di cambiare l'uso di un orto(cosa che dove fare un anno fa). Ora il rogito è previsto entro la fine del mese. Il mio problema è che sono ospite,momentaneamente dalla suocere,con tutti i mobili del vecchio appartamento,che invadono casa,e non mi permettono spazio. Inoltre i venditori mi avevano detto,visto che hanno un appartamento loro disponibile di cui pagano l'affitto,che potevo portarci le mie cose(cosa che non è avvenuta). Ora,tra stress e ritardo,non so dove mettere le mani. Cosa posso fare: posso recedere il contratto per quaesto o posso chiedere danni o posso chiedere un abbassamento del prezzo stabilito?

Il rogito doveva avvenire entro il 30/10/2010. Io ho fatto il rogito della mia precedente casa il 04/11/2010 e per quattro giorni hanno aspettato anche perchè hanno avuto una bella caparra da parte mia. L'abbiamo fatto a voce,ma era per il 15/11 e non oltre.
A dire la verità,oltre al fegato grande come un'anguria, o addosso il pensiero di dover rispostare di nuovo i mobili,correndo il rischio di rovinarli. Poi non ti dico lo stress psicologico;sono una persona ansiosa,e questa storia mi stà mandando al manicomio,anche perchè ho dovuto rimandare 2 lavori offertomi(perchè ,credendo di fare il rogito il15/11,credevo di iniziare i lavori in casa e poi di portarci la roba;non posso iniziare un lavoro per poi chiedere dei giorni per la casa), non posso dipingere perchè non ho spazio,io e il mio compagno dormiamo su un divano di pelle a 3 posti ma stretto,di cui se ne risentono le conseguenze tra la mia stanchezza,il nervosismo e i dolori alle gambe e alla schiena,e il riposo del mio compagno che non c'è(è fa il fabbro).
Risposta  Non è possibile dare una risposta utile senza poter visionare il contratto preliminare, in particolare bisogna verificare se il termine previsto per il rogito notarile sia stato indicato come essenziale, o se sia stata apposta la frase di rito "entro e non oltre il ..." in quest'ultimo caso potrà inviare una lettera raccomandata invitando la controparte alla stipula entro quindici giorni, solo allora il venditore potrà essere considerato inadempiente.
Roberto Renzi      contatta Roberto Renzi contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Compravendita quesito del 20-11-10
Domanda  Mi posso rivalere su contratto di compravendita?iSalve,sono una ragazza di 28 anni e le pongo questo questito.La faccio in breve. Ho venduto il mio appartamento fretta e furia per fare un altro rogito verso la metà di novembre. Ora non ho casa perchè il geometra dei venditori si è dimenticato di cambiare l'uso di un orto(cosa che dove fare un anno fa). Ora il rogito è previsto entro la fine del mese. Il mio problema è che sono ospite,momentaneamente dalla suocere,con tutti i mobili del vecchio appartamento,che invadono casa,e non mi permettono spazio. Inoltre i venditori mi avevano detto,visto che hanno un appartamento loro disponibile di cui pagano l'affitto,che potevo portarci le mie cose(cosa che non è avvenuta). Ora,tra stress e ritardo,non so dove mettere le mani. Cosa posso fare: posso recedere il contratto per quaesto o posso chiedere danni o posso chiedere un abbassamento del prezzo stabilito?


Dettagli aggiuntivi
Il rogito doveva avvenire entro il 30/10/2010. Io ho fatto il rogito della mia precedente casa il 04/11/2010 e per quattro giorni hanno aspettato anche perchè hanno avuto una bella caparra da parte mia. L'abbiamo fatto a voce,ma era per il 15/11 e non oltre.

A dire la verità,oltre al fegato grande come un'anguria, o addosso il pensiero di dover rispostare di nuovo i mobili,correndo il rischio di rovinarli. Poi non ti dico lo stress psicologico;sono una persona ansiosa,e questa storia mi stà mandando al manicomio,anche perchè ho dovuto rimandare 2 lavori offertomi(perchè ,credendo di fare il rogito il 15/11,credevo di iniziare i lavori in casa e poi di portarci la roba;non posso iniziare un lavoro per poi chiedere dei giorni per la casa), non posso dipingere perchè non ho spazio,io e il mio compagno dormiamo su un divano di pelle a 3 posti ma stretto,di cui se ne risentono le conseguenze tra la mia stanchezza,il nervosismo e i dolori alle gambe e alla schiena,e il riposo del mio compagno che non c'è(è fa il fabbro).
L aringrazio.
Risposta  Non è possibile dare una risposta utile senza poter visionare il contratto preliminare, in particolare bisogna verificare se il termine previsto per il rogito notarile sia stato indicato come essenziale, o se sia stata apposta la frase di rito "entro e non oltre il ..." in quest'ultimo caso potrà inviare una lettera raccomandata invitando la controparte alla stipula entro quindici giorni, solo allora il venditore potrà essere considerato inadempiente.
Roberto Renzi      contatta Roberto Renzi contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Compravendita quesito del 09-11-10
Domanda  Buongiorno,
mi chiamo Annoni a maggio ho comperato un appartamento a Milano.

l'inquilino sotto di me è venuto a dirmi che dal mio balcone (così si pensa) ci sono delle infiltrazioni che bagnano l'intradosso dello stesso.

Nello scorso anno erano stati fatti lavori per sistemare questo problema ma si è ripresentato.

L'anno scorso il costruttore (ora in liquidazione) ha fatto firmare a lui e al vecchio proprietario una carta dove dichiaravano che sarebbe intervenuto a riparare solo se firmavano questa carta dove dichiaravano che nessun'altra richiesta poteva essere fatta al ripresentarsi della cosa.
Di tutto questo io non ne ero a conoscenza.

Posso adesso chiedere al costruttore di intervenire per risolvere il problema datoche l'appartamento ha meno di 10 anni e posso fare causa al vecchio proprietario ?
L'inquilino di sotto firmando questa carta può avere la responsabilità di dover pagare lui adesso l'intervento?
L'amministratore deve rispondere di qualcosa?


Il balcone è di circa 16mq ed è un aggettato.

grazie
con i migliori saluti
Raffaele Annoni
Risposta  Buongiorno a Lei,
dovrei vedere gli accordi firmati dalle parti in gioco.
Resto a disposizione per quanto Le occorra.
Cordialità
Avv.Laura Salvetti
-----------------------
C.so Buenos Aires, 10
20124 – Milano
Tel e fax 02.29534554
e-mail lsalvet@tin.it

Laura Maria Rachele Salvetti      contatta Laura Maria Rachele Salvetti contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Compravendita quesito del 30-10-10
Domanda  Buongiorno, ho acquistato una casa da ristrutturare nel maggio del 2009 e per varie vicissitudini (vedi incompetenza architetto e difficoltà nel rilascio del permesso a costruire del comune) mi trovo a 15 giorni dalla scadenza dei 18 mesi per il beneficio della prima casa.
Io non sono proprietario di altri immobili e già risiedo nel comune dove è ubicato l'immobile, posso usufruire di tali benefici? Se no, cosa posso fare per non perdere l'agevolazione?
Il D.P.R 131/1986 nota II bis art.1 è applicabile in qualsiasi comune?
Grazie per l'attenzione.
Attilio
Risposta  Buongiorno a Lei, per disguidi informatici ho ricevuto solo ora il Suo messaggio.
Resto a disposizione per quanto Le occorra.
Cordialità
Avv.Laura Salvetti
-----------------------
C.so Buenos Aires, 10
20124 – Milano
Tel e fax 02.29534554
e-mail lsalvet@tin.it

Laura Maria Rachele Salvetti      contatta Laura Maria Rachele Salvetti contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Compravendita quesito del 21-10-10
Domanda  Buongiorno Avvocato,
un condomino del mio stabile, ha deciso di mettere in vendita privatamente il suo appartamento. Per farlo, ha posto sul cancello d'ingresso del cortile un cartello in cui ha indicato anche il prezzo di vendita- molto basso e trattabile. Ho sentito dire che per legge non si può esporre il prezzo di vendita, anche perché ciò va a ledere le trattative in corso degli altri condomini (chi per esempio come me, non avendo acquistato in lire, non potrebbe vendere ad un prezzo così basso il proprio appartamento). esiste una norma in tal senso? Posso io pretendere che dal cartello venga rimosso il prezzo di vendita dell'appartamento?

Grazie e cordiali saluti.

Laura
Risposta  Buongiorno a Lei, non mi consta l'esistenza di una norma che vieti l'esposizione del prezzo, anche perchè basta una telefonata per saperlo direttamente, e per fare un paragone con la trattativa in corso per altro immobile dello stesso edificio.
Resto a disposizione per quanto Le occorra.
Cordialità
Avv.Laura Salvetti
-----------------------
C.so Buenos Aires, 10
20124 – Milano
Tel e fax 02.29534554
e-mail lsalvet@tin.it
Laura Maria Rachele Salvetti      contatta Laura Maria Rachele Salvetti contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
torna all'indice 
visualizza pagina prec 6 7 8 9 10 succ
ESPERTI
Avv. Patrizia Beltrami
Geom. Oreste Terracciano
Studio Filippo Scaffai & Partners
Avvocato Rossella Ceccarini
Laura Maria Rachele Salvetti
Avella massimiliano
Centrosì S.r.l.
Property Global Service s.r.l
   
   
Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet