CLUBCASA.IT ... semplicemente tutto
email
pass   accedi»
HOMEPAGE ANNUNCI VALUTAZIONI CONSULENZA MUTUI ASSOCIATI BLOG & NEWS  
Ultime NotizieGlossario ImmobiliareDizionario ImmobiliareL'Esperto Risponde Cerca un ProfessionistaLink Utili Contattaci
Sono state trovate 175 corrispondenze...
Se non riesci a trovare tra i vari quesiti una risposta ai tuoi dubbi, rivolgi una domanda agli esperti riceverai una risposta gratuitamente entro breve tempo.
torna all'indice 
visualizza pagina 1 2 3 4 5 succ
  Controversie legali quesito del 30-01-11
Domanda  Buon giorno Sig.Avvocato. Ho iscritto mio figlio al Centro Nuoto di Casale Monferrato 5 mesi fa.Mi hanno fatto pagare tutte le 16 lezioni in anticipo.Ha perso 2 lezioni per malattia,non vogliono farmele recuperare,anche se prima mi avevano detto che potevo recuperarle quando volevo.E' un mio diritto? E come posso fare per ottenerlo?
Risposta  Questo non è un argomento trattato dai nostri esperti.
Roberto Renzi      contatta Roberto Renzi contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Controversie legali quesito del 07-01-11
Domanda  Gentilissimi avevo posto un mio problema qualche tempo fa, ma non ho ricevuto alcuna risposta probabilmente non aveva rilevanza visto i problemi del mondo però credo che per educazione avreste dovuto dirmi qualche cosa : non capiamo, problema irrisolvibile o non inizi liti condominiali oppure occorre che si iscriva per poterle rispondere. (p.s aggiornate il settore annunci perché esiste anche la prov di MB da cui dipende anche il comune di Limbiate dove esite il mio problema Buona anno Comprensore Rosetta
Risposta  Buongiorno a Lei,
non riesco a risalire al problema posto. Non ho ricevuto alcun messaggio.
Resto a disposizione per quanto Le occorra.
Cordialità
Avv.Laura Salvetti
-----------------------
C.so Buenos Aires, 10
20124 – Milano
Tel e fax 02.29534554
e-mail lsalvet@tin.it

Laura Maria Rachele Salvetti      contatta Laura Maria Rachele Salvetti contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Controversie legali quesito del 18-11-10
Domanda  salve,
mio figlio e'prorietaro di un appartamento donato da noi abitato insieme alla moglie,mantenendo noi l'usufrutto.
ora mio figlio si e' separato con la moglie andando ad abitare in affitto.
le chiedo cosa debbo fare per riavere la casa dove mia nuora abita enon vuole andarsene .
ora noi abbiamo deciso di dare l'appartamento dove abitiamo a nostro figlio,e io e mia moglie di andare ad abitare nell'appartamento dove abitava mio figlio,
faccio presente che siamo due persone anziane di 78 anni e mia moglie ha problemi di salute.
mia nuora possiede un appartamento dove lo tiene sfitto e non intende andare ad abitarci.
cosa dobbiamo fare per riavere l'appartamento con urgenza.
mi scuso per la confusione attendo con ansia una risposta,siamo disperati
vincenzo
Risposta  In caso di separazione l’immobile utilizzato come casa coniugale viene affidato al coniuge presso il quale sono collocati i figli della coppia.
Nel caso di specie, la nuora a seguito del provvedimento di assegnazione subentrerà nel contratto di comodato che, sostanzialmente, è stato stipulato in occasione della cessione dell’immobile al figlio per viverci con la nuova famiglia.
Il bene oggetto di comodato potrà essere oggetto di restituzione solo in presenza di un urgente ed imprevisto bisogno del comodante.
In ogni caso, è irrilevante che la moglie separata sia proprietaria di altro immobile in quanto la finalità della assegnazione della casa coniugale è destinata ad evitare ai figli il distacco con il luogo in cui sono nati e cresciuti.
Avv. Patrizia Beltrami      contatta Avv. Patrizia Beltrami contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Controversie legali quesito del 12-11-10
Domanda  sono proprietaria di un villino schiera al 50% con mio fratello.
Vorrei sapere se sono obbligata a vendere se mio fratello lo volesso oppure posso rifiutarmi.
Abito in appartamento in fitto a Roma
Mio fratello abita in appartamento di proprietà della moglie in stato di separazione di beni ed ha anche un villino di proprietà località prov. Lecce.
Grazie Daniela Bozzetti
Risposta 
La risposta deve considerarsi negativa; tuttavia in assenza di accordo in merito allo smobilizzo dell’immobile comune, l’unica azione da intraprendere sarebbe una divisione giudiziale che, per costi e durata, potrebbe incidere significativamente sul valore di realizzo.
Avv. Patrizia Beltrami      contatta Avv. Patrizia Beltrami contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Controversie legali quesito del 11-11-10
Domanda  sono proprietaria al 50% con mio fratello di una casa, per ambedue si tratta di casa ove non siamo residenti.
Io non vorrei vendere, mio fratello mi potrebbe obbligare?
Lui risiede in un appartamento di proprietà della moglie ed è proprietario di altro immobile in località provincia di Lecce mentre io non ho altre proprietà.
Grazie, distinti saluti
Daniela Bozzetti
Risposta 
La risposta deve considerarsi negativa; tuttavia in assenza di accordo in merito allo smobilizzo dell’immobile comune, l’unica azione da intraprendere sarebbe una divisione giudiziale che, per costi e durata, potrebbe incidere significativamente sul valore di realizzo.
Avv. Patrizia Beltrami      contatta Avv. Patrizia Beltrami contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Controversie legali quesito del 09-11-10
Domanda  Mi rivolgo a voi per sapere come comportarmi in una situazione che ormai si sta protraendo estenuantemente negli anni. Circa due anni fa abbiamo segnalato all'amministratore e agli altri condomini la presenza di copiose infiltrazioni d'acqua nel soffitto di una camera da letto provenienti dal terrazzo soprastante di pertinenza esclusiva del vicino del piano superiore. Si è proceduto lentamente a perizie tecniche con lo scopo di dimostrare la responsabilità del costruttore del palazzo... a tutt'oggi , a più di due anni di distanza, nulla di concreto è però stato fatto. Le infiltrazioni si sono estese interessando anche una seconda camera da letto, risultando ormai gli ambienti inabitabili (sgocciola sui letti!). La mia domanda è: non avendo nessuno degli altri condomini fretta ne interesse a risolvere questo problema, negandosi la inquilina soprastante a far uso come da noi richiesto di qualche mezzo impermeabilizzante seppur provvisorio,non rispondendo l'amministratore con misure atte a risolvere la situazione... siamo costretti a subire ancora passivamente questo stato di cose nel susseguirsi degli anni? Non è forse possibile "obbligare" all'esecuzione dei lavori con carattere di urgenza? e se sì (come mi auguro)... come procedere? Mi scuso per essermi dilungata ma non sapevo come altro esporre il caso. Grazie della risposta che vorrete fornirmi
Risposta  E’ necessario rivolgersi ad un legale che possa verificare l’applicabilità al caso concreto delle norme processuali che consentono un ricorso di urgenza volto ad obbligare il condomino all’esecuzione delle opere necessarie ad eliminare le infiltrazioni.
Avv. Patrizia Beltrami      contatta Avv. Patrizia Beltrami contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
torna all'indice 
visualizza pagina 1 2 3 4 5 succ
ESPERTI
Centrosì S.r.l.
Studio Notarile Grumetto
Studio Filippo Scaffai & Partners
Geom. Oreste Terracciano
Avella massimiliano
Property Global Service s.r.l
Laura Maria Rachele Salvetti
Avvocato Rossella Ceccarini
   
   
Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet