CLUBCASA.IT ... semplicemente tutto
email
pass   accedi»
HOMEPAGE ANNUNCI VALUTAZIONI CONSULENZA MUTUI ASSOCIATI BLOG & NEWS  
Ultime NotizieGlossario ImmobiliareDizionario ImmobiliareL'Esperto Risponde Cerca un ProfessionistaLink Utili Contattaci
Sono state trovate 82 corrispondenze...
Se non riesci a trovare tra i vari quesiti una risposta ai tuoi dubbi, rivolgi una domanda agli esperti riceverai una risposta gratuitamente entro breve tempo.
torna all'indice 
visualizza pagina 1 2 3 4 5 succ
  Procedure esecutive quesito del 25-05-10
Domanda  ho un pignoramento bancario sulla casa di mia proprietà, è possibile intestare la casa a terzi per scongiurare altri pignoramenti?
Risposta  No. Qualunque intestazione a terzi è revocabile in pendenza di procedura esecutiva.
Deve contattare il difensore del pignorante tramite un legale di Sua fiducia per ottenere l'assenso alla vendita dell'immobile.
Resto a disposizione per quanto Le occorra.
Cordialità
Avv.Laura Salvetti
-----------------------
C.so Buenos Aires, 10
20124 – Milano
Tel e fax 02.29534554
e-mail lsalvet@tin.it
Laura Maria Rachele Salvetti      contatta Laura Maria Rachele Salvetti contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Procedure esecutive quesito del 22-03-10
Domanda  Sto acquistando un immobile pignorato, tramite un’agenzia immobiliare, l’atto di pignoramento è stato notificato ai proprietari il 18/01/2010, dopo ho fatto proposta ed è stata accettata. L’agenzia ha assicurato che l’acquisto dell’immobile può essere effettuato (entro il 30/04/10) senza asta e tramite sentenza del Giudice, presso il tribunale, il quale al momento stesso avrebbe richiesto la cancellazione del pignoramento tramite il notaio e che i soldi sarebbero stati dati solo ad acquisto avvenuto (anche all’agenzia).
La banca ha inviato il perito e se non ci sono altri problemi concede il mutuo.
18/02/10 l’agende immobiliare mi ha riferito che dalle visure non risulta ancora la trascrizione del pignoramento a carico dei proprietari, in questo caso è necessario l’intervento del Giudice visto che c’è un atto di pignoramento? Per poter partecipare a questo acquisto, prima, bisogna versare dei soldi? Dopo l’acquisto potrebbero esserci dei problemi? Potrebbero esserci altri tipi di problemi non menzionati?

Grazie e saluti
Risposta  L’acquisto di un immobile assoggettato a pignoramento deve avvenire con le dovute cautele. Preliminarmente andrebbe verificata la possibilità dell’accordo con il creditore procedente così da evitare eventuali problemi per la procedura esecutiva già iniziata, previa verifica della presenza di ulteriore creditori intervenuti nel pignoramento. In tal modo, previo accordo con il proprietario si potrebbe giungere all’estinzione della procedura esecutiva, con il versamento delle somme – a titolo di acconto sul prezzo – direttamente nelle mani dei creditori.
In tale contesto, infatti, il versamento dei soldi nella mani del proprietario esecutato non garantisce in alcun modo il buon esito della vendita.
Avv. Patrizia Beltrami      contatta Avv. Patrizia Beltrami contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Procedure esecutive quesito del 19-03-10
Domanda  Ripartizione crediti dopo asta :

sono cessionario di credito fondiario I° per un importo di 130.000

vi è un'ipoteca giudiziale di 6.000

Come avverà la ripartizione considerando che l'immobile è stato venduto all'asta per un importo di 73.000 euro? L'altro creditore con ipoteca gudiziale può essere soddisfatto?

Risposta  Deve chiederlo all'ufficio campione del TRIBUNALE di riferimento della procedura oppure in cancelleria.
Resto a disposizione per quanto Le occorra.
Cordialità
Avv.Laura Salvetti
-----------------------
C.so Buenos Aires, 10
20124 – Milano
Tel e fax 02.29534554
e-mail lsalvet@tin.it
Laura Maria Rachele Salvetti      contatta Laura Maria Rachele Salvetti contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Procedure esecutive quesito del 21-02-10
Domanda  E' giusto che avendo subito un fallimento nel 2001, a maggio di quest'anno la mia casa è stata venduta all'asta senza neanche essere stata interpellata dalla curatela o da chi per essa? Per cui io ho saputo questo mese di non avere più l'opportunità di riprendermi la casa che ho perso per una truffa mega nei miei confronti.
Risposta  A seguito della sentenza di fallimento, tutte le notificazioni sono eseguite ritualmente al curatore del fallimento che, nei confronti dei soggetti terzi, ha la rappresentanza sostanziale e processuale della persona dichiarata fallita.
Quanto al merito, per poter valutare, eventuali profili di contestabilità dei provvedimenti occorre verificare la situazione con un miglior esame.
Avv. Patrizia Beltrami      contatta Avv. Patrizia Beltrami contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Procedure esecutive quesito del 23-01-10
Domanda  ho comprato un'immobile all'asta nell'appartamento ci sono ancora alcuni mobili del pignorato cosa devo fare per liberarmi di questi mobili? mi sono rivolta al custode fallimentare dell'immobile ma non dei mobili mi ha detto di avere pazienza ancora per qualche mese perchè il pignorato non è più raggiungibile e quindi non ha rinunciato ai mobili, posso spostarli in cantina? ho bisogno urgentemente di una risposta grazie?
Risposta  qualora vi sia stato rilascio coattivo con verbale redatto dall'Ufficiale Giudiziario, potrà richiedersi al competente Giudice dell'Esecuzione di essere autorizzati a trasportare i beni rinvenuti in altro luogo.
Avv. Patrizia Beltrami      contatta Avv. Patrizia Beltrami contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
  Procedure esecutive quesito del 23-01-10
Domanda  Un amico è titolare al 50% con suo fratello della nuda proprietà di un immobile gravato da diritto di usufrutto a favore del padre dei due.
Il fratello ha a suo carico un'esecuzione immobiliare in corso su tale immobile.
Circa sei anni fa l'amico ed il padre usufruttuario hanno eseguito lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria per circa 50000 Euro.
Non hanno mai ricevuto niente dall'esecutato per tali lavori e vorrebbero fare ridividere le quote di spettanza prima della vendita in quanto secondo loro all'esecutato non dovrebbe corrispondere più una proprietà al 50% ma minore.
Bisogna chiedere la spettanza rispetto all'incremento di valore del bene dopo i lavori svolti o rispetto alla somma spese per tali migliore?
Si precisa che tale immobile non è divisibile.
Risposta  Occorre da subito precisare che, a seguito della notificazione dell'atto di pignoramento immobiliare, è precluso ai comproprietari qualsiasi atto diretto a separare la quota parte del soggetto esecutato. Nel caso di specie, invece, unico rimedio per ottenere la restituzione delle somme spese ed anticipate per conto dell'esecutato, è di intervenire nella procedura esecutiva, con un titolo e ciò al fine di formalizzare, eventualmente richiesta di assegnazione del diritto pignorato, anche al fine di evitarne la messa all'incanto.
Avv. Patrizia Beltrami      contatta Avv. Patrizia Beltrami contatta questo professionista
 invia ad un amico   |    domanda agli esperti   |   torna indietro
 
torna all'indice 
visualizza pagina 1 2 3 4 5 succ
ESPERTI
Studio Notarile Grumetto
Avvocato Rossella Ceccarini
Studio Filippo Scaffai & Partners
Geom. Oreste Terracciano
Property Global Service s.r.l
Avella massimiliano
Centrosì S.r.l.
Laura Maria Rachele Salvetti
   
   
Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet