Concessione: la durata in caso di stop ai lavori

pubblicato il 11 nov 2006 in varie
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto)

Di norma, se i lavori non iniziano entro un anno dal rilascio della concessione, la stessa viene considerata decaduta.
Con un provvedimento esplicito dell’amministrazione comunale, viene notificato il decadimento. In questo caso, occorre ripresentare un’altra dichiarazione, che dovrebbe essere rilasciata in tempi brevi. Considerato che esistono tutti i dati relativi all’intervento, per beneficiare delle detrazioni fiscali del 36% sulle manutenzioni edilizie si deve inoltrare una nuova comunicazione al centro servizi, in quanto gli estremi del provvedimento saranno diversi.
Meglio, dunque, se è accompagnata da una nota esplicativa.
Qualora l’amministrazione comunale, in presenza di una particolare situazione, indipendente dalla volontà del titolare della concessione, lo ritenesse opportuno, potrebbe consentire una deroga all’inizio dei lavori, superando in questo caso anche il problema dell’inoltro al centro servizi di una nuova comunicazione.

Vota questo articolo!
Lascia un Commento
Nome (obbligatorio)
Email (obbligatorio)
Messaggio

Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
Powered by WordPress
Powered by FeedBurner
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet