Condono edilizio e trasferimento dell’immobile

pubblicato il 11 nov 2006 in varie
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto)

La Circolare 7 dicembre 2005 n. 2699 (pubblicata sulla Gazzetta ufficiale n. 52 del 3 marzo scorso), «ribadisce – spiegano all’Ance – che per quanto non previsto dalle nuove disposizioni sul condono edilizio, si applicano, se compatibili, le norme della Legge n. 47/1985 e l’art. 39 della Legge 724/1994. Si deve, pertanto, ritenere ammissibile la sanatoria di immobili oggetto di trasferimento derivante da procedure esecutive, ai sensi dell’art. 40, comma 6 della Legge n. 47/1985. La domanda deve però essere presentata entro 120 giorni dall’atto di trasferimento dell’immobile stesso e le ragioni del credito devono essere sorte anteriormente alla data di entrata in vigore della nuova normativa sul condono ( D.L. n. 269/2003)».
In tal modo, infatti, si vuole consentire, a coloro i quali hanno acquistato immobili in virtù di una procedura esecutiva, di regolarizzarne la posizione.

Vota questo articolo!
Lascia un Commento
Nome (obbligatorio)
Email (obbligatorio)
Messaggio

Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
Powered by WordPress
Powered by FeedBurner
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet