Confedilizia denuncia assalto a casa da corporazioni varie

pubblicato il 11 nov 2006 in varie
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto)

Si profila un aggravio per la proprietà immobiliare di 44 mila miliardi di vecchie lire
“La casa è oggi fatta oggetto di un assalto insostenibile e spropositato ad opera di corporazioni che con il pretesto della sicurezza pretendono di imporre ai proprietari immobiliari spese enormi nell’esclusivo interesse delle categorie interessate a procacciarsi nuovo lavoro, spesso di tipo meramente buroindotto (indotto dalla burocrazia, cioè)”.

E’ la denuncia con la quale il Presidente di Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani, ha aperto l’Assemblea dei delegati delle 210 Associazioni territoriali aderenti riuniti al Centro Congressi Cavour di Roma. Il Presidente Sforza Fogliani ha così continuato: “Gli ascensoristi pretendono di sostituire gli ascensori, gli impiantisti elettrici di sostituire gli impianti elettrici, gli impiantisti del gas di sostituire gli impianti del gas. Per non parlare dei professionisti, che ancora dopo la bocciatura della Corte Costituzionale reclamano il libretto casa, o dell’assicurazione obbligatoria per il gas che si pretende di far gravare anch’essa sulla proprietà e della nuova campagna di controllo sugli impianti. Da ultimo, sono venuti fuori – per imporre nuovi lavori – anche gli impianti domestici”.

La Confedilizia calcola in 60/70 milioni di euro l’aggravio per la proprietà immobiliare che si abbatterebbe sulla stessa nei prossimi mesi. Se poi il Governo non avesse accettato la proposta della Confedilizia di sospendere il trasferimento del catasto ai Comuni le imposte erariali dirette e indirette sugli immobili sommate all’ICI sarebbero passate – secondo i calcoli della Confedilizia – da 20 miliardi di euro a 42 miliardi di euro.

“Davanti ad una minaccia alla proprietà immobiliare quantificabile in 44 mila miliardi di vecchie lire, chiediamo – ha detto il Presidente della Confedilizia – che il Governo istituisca una cabina di regia per la casa, nell’ambito della quale verificare con un adeguato confronto le spese che si intendono imporre a condòmini e proprietari nel loro reale interesse e le spese, invece, che si intenderebbero imporre solo a pro delle categorie industriali e artigianali interessate”.

Vota questo articolo!
Lascia un Commento
Nome (obbligatorio)
Email (obbligatorio)
Messaggio

Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
Powered by WordPress
Powered by FeedBurner
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet