DICHIARAZIONI 2006 – Agevolati gli immobili storici

pubblicato il 11 nov 2006 in varie
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto)

Le regole per la determinazione fiscale del reddito fondiario
L’Agenzia delle Entrate (Circolare n. 2/E del 17 Gennaio 2006) ha preso atto dell’orientamento ormai costante della giurisprudenza e conferma che il reddito dei fabbricati di interesse storico e artistico (Legge n. 1089 del 1° Giugno 1939), siano essi abitativi o commerciali (anche se locati) viene assunto ai fini fiscali mediante l’applicazione della minore tra le tariffe di estimo previste per le abitazioni della zona censuaria nella quale è situato il fabbricato. L’adozione di questo criterio è agevole in presenza di fabbricati della stessa categoria mentre per i fabbricati commerciali o industriali (categorie C e D ecc..) la valutazione catastale è espressa in metri quadrati; al riguardo si può fare riferimento alla Circolare delle Entrate n. 7 del 10 Giugno 1993 che prevede la traduzione della superficie espressa in metri quadrati in numero dei vani utilizzando il concetto di vano catastale medio.

Vota questo articolo!
Lascia un Commento
Nome (obbligatorio)
Email (obbligatorio)
Messaggio

Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
Powered by WordPress
Powered by FeedBurner
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet