Edilizia convenzionata: La determinazione del prezzo

pubblicato il 11 nov 2006 in varie
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto)

Nel caso in cui si proceda alla compravendita di un alloggio di edilizia economica e popolare, la determinazione illegittima del prezzo, in altre parole il fatto di non attenersi alle clausole della convenzione a suo tempo firmata con il Comune, non porta alla nullità dello stesso contratto. E’ quanto ha asserito dal Tribunale di Milano con la sentenza del 20 maggio 2003, n. 6919, che ha sottolineato «come in tale caso la violazione delle norme relative alla determinazione del prezzo – spiegano all’Ance – comporta solo la sostituzione automatica del prezzo fissato dalle parti con quello determinato secondo i criteri legislativi, ma non determina la nullità del contratto».
I giudici, che in questo modo hanno confermato un indirizzo già seguito in casi precedenti, «hanno sottolineato come in tale caso si debba fare riferimento a quanto previsto dall’art. 35 della Legge n. 865/1971 -, continuano all’Ance – in base al quale le condizioni ed i criteri per la determinazione del prezzo di cessione degli alloggi di edilizia economica e popolare sono quelli stabiliti nella convenzione stipulata con il Comune interessato.

Ne deriva che è la Legge stessa a riconoscere efficacia vincolante alla Convenzione e ai criteri in essa individuati per la determinazione del prezzo degli alloggi».

In altre parole i giudici, in caso di prezzi fissati sulla base di criteri diversi da quelli previsti dalla Convenzione, ritengono corretto applicare il principio generale dell’art. 1339 del codice civile, «in base al quale – concludono all’Ance – quando la Legge impone clausole, prezzi di beni o servizi, questi sono di diritto inseriti nel contratto, anche in sostituzione delle clausole difformi volute dalle parti; ciò non comporta però la nullità dell’intero contratto, infatti ai sensi dell’art. 1419 del codice civile, in caso di sostituzione di diritto di singole clausole di un contratto, in quanto difformi dalle previsioni di legge, il contratto non è nullo».

Vota questo articolo!
Lascia un Commento
Nome (obbligatorio)
Email (obbligatorio)
Messaggio

Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
Powered by WordPress
Powered by FeedBurner
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet