Usufrutto acquisito a pagamento, doppio calcolo per la plusvalenza

pubblicato il 14 dic 2009 in usufrutto e nuda proprietà
In caso di vendita dell'immobile per il quale nuda proprietà e usufrutto sono stati acquistati in momenti distinti, l'eventuale plusvalenza deve essere determinata valutando separatamente i due diritti reali per il calcolo dei cinque anni previsti a fini anti-speculativi dall'articolo 67 del Tuir (risoluzione n. 188/E).

Plusvalenza da cessione di immobile allo stato di rustico

pubblicato il 14 feb 2009 in mercato, tasse e imposte
L’Agenzia delle Entrate ha precisato che se la vendita di un fabbricato allo stato “rustico” avviene entro il quinquennio dalla sua realizzazione essa genererà una plusvalenza imponibile in quanto il fabbricato - essendo esistente ai fini civilistici - è riconducibile nella nozione di “immobile costruito”, richiamata dall’articolo 67, comma 1, lett. b), del Tuir. L’identificazione di fabbricato allo stato rustico deve essere naturalmente comprovata, ad esempio con la denuncia nel catasto urbano nella categoria provvisoria relativa agli immobili in corso leggi tutta la news

Prima casa e abitazione principale c’è differenza nella plusvalenza

pubblicato il 9 apr 2008 in mercato, tasse e imposte
L'acquisto agevolato non preserva dalla tassazione in caso di successiva vendita entro il quinquennio se il contribuente o i suoi familiari non vi hanno dimorato abitualmente per la maggior parte del periodo. La cessione di un appartamento da parte di cittadini italiani residenti all'estero, intervenuta entro il quinquennio dall'acquisto, produce plusvalenza imponibile, ai sensi dell'articolo 67, comma 1, lettera b), del Tuir. La circostanza che i proprietari risiedano all'estero, infatti, non consente di considerare l'immobile posseduto in Italia abitazione principale, salvo leggi tutta la news

MANOVRA 2008 – La rivalutazione di quote sterilizza la plusvalenza

pubblicato il 20 dic 2007 in agenzie immobiliari, mercato, tasse e imposte
Rivalutazioni con imposta sostitutiva del 4%  L’articolo 3, comma 51, del disegno di legge della Finanziaria 2008 prevede la possibilità di operare una rivalutazione dei terreni agricoli e edificabili posseduti al 1° Gennaio, versando un’imposta sostitutiva del 4%, evitando così l’emergere di una plusvalenza al momento della vendita.

Cessione di terreni a titolo oneroso

La cessione a titolo oneroso di terreni sottoposti al vincolo di non edificabilità da un Piano Paesaggistico Regionale non genera plusvalenza imponibile, a nulla rilevando il fatto che il Piano Urbanistico Comunale li abbia, invece, considerati edificabili. risoluzione n. 460/e del 2 dicembre 2008 Fonte: Ministero dell'Economia e delle Finanze

L’immobile è già ultimato se viene utilizzato

pubblicato il 9 giu 2008 in mercato, tasse e imposte
Per stabilire la decorrenza dei cinque anni di possesso che, in caso di cessione del bene, consentono di non tassare la plusvalenza, si prescinde dall'accatastamento e dal collaudo. La risoluzione n. 231/E del 6 giugno riguarda l'interpello formulato dai proprietari di un immobile commerciale costruito da loro, concesso in locazione nel dicembre del 2001, con certificato di collaudo rilasciato nel mese di febbraio del 2002 e richiesta di attribuzione di rendita catastale avvenuta soltanto a febbraio 2006. Avendo intenzione leggi tutta la news

Abitazione principale a prova di frazionamento

pubblicato il 6 giu 2008 in tasse e imposte
Non genera plusvalenza tassabile la cessione infraquinquennale di un appartamento derivante dalla suddivisione della propria casa. La plusvalenza derivante dalla vendita, prima che siano trascorsi cinque anni dall'acquisto, di un appartamento ricavato dal frazionamento dell'immobile adibito ad abitazione principale non concorre alla formazione del reddito. È invece tassabile la plusvalenza realizzata dalla cessione di altre unità costruite, con permesso di sopraelevazione, al piano superiore; in tal caso, è possibile optare per l'applicazione di un'imposta sostitutiva nella misura del 20%, facendone leggi tutta la news

Non tassabile la cessione dell’immobile nel quinquennio

pubblicato il 31 mag 2008 in successioni e donazioni, tasse e imposte
Non tassabile la cessione dell'immobile nel quinquennio solo se si prova l'utilizzo come abitazione principale La dimora abituale in un luogo diverso da quello risultante dai registri anagrafici può essere dimostrata con l'intestazione delle utenze domestiche e l'indicazione del domicilio nella corrispondenza ordinaria. I coniugi che consolidano la piena proprietà su un immobile dopo la morte dell'usufruttuaria, sorella di uno dei due e affine di secondo grado alla coppia, possono venderlo anche prima che siano decorsi cinque anni dall'acquisto, senza che ciò comporti l'assoggettamento leggi tutta la news
Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
Powered by WordPress
Powered by FeedBurner
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet