Detrazioni Irpef del 36% sulle ristrutturazioni: niente più obbligo di comunicazione di inizio lavori

pubblicato il 13 dic 2011 in edilizia agevolata, tasse e imposte
Per avvalersi della detrazione Irpef del 36%, non c’è più l’obbligo di inviare la comunicazione di inizio lavori al Centro operativo dell’Agenzia delle Entrate di Pescara tramite raccomandata. L’entrata in vigore del Dl n. 70 del 2011, rende sufficiente conservare ed esibire a richiesta degli uffici finanziari specifici documenti che sono indicati nel provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate pubblicato il 2 novembre 2011. Risulta così semplificata la procedura per usufruire delle detrazioni fiscali, mentre restano ferme le comunicazioni e autorizzazioni, leggi tutta la news

Bonus ristrutturazioni: abitazione e pertinenze

pubblicato il 2 lug 2008 in edilizia agevolata
Per la detrazione Irpef del 36%, il limite di spesa di 48mila euro va riferito complessivamente a entrambe. Per i lavori di ristrutturazione edilizia eseguiti sia su un’abitazione che sulla relativa pertinenza, anche se accatastate separatamente, spetta un unico limite massimo di spesa di 48mila euro su cui calcolare la detrazione Irpef del 36 per cento. Ciò è valido anche per le spese effettuate dal 1° gennaio 2007, perché la norma, introdotta dal Dl n. 223/2006, è stata prorogata fino leggi tutta la news

Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali

pubblicato il 20 giu 2008 in edilizia agevolata, tasse e imposte
La legge finanziaria per il 2008 ha prorogato fino a tutto il 2010 le agevolazioni fiscali sugli interventi di recupero edilizio. Ancora tre anni, quindi, di vantaggi fiscali per chi si accinge a ristrutturare la propria casa o pensa di acquistare un immobile direttamente dall'impresa di costruzione o di ristrutturazione (o cooperativa edilizia) che ha ristrutturato l'intero fabbricato. Agli oltre 3 milioni di contribuenti, che da quando l'agevolazione è in vigore ne hanno fatto richiesta, se ne aggiungeranno sicuramente molti leggi tutta la news

Mutui per ristrutturazioni: sconto Irpef se è certa la data inizio lavori

pubblicato il 5 mar 2008 in edilizia agevolata, mutui, tasse e imposte
Coincide, in caso di completamento di costruzione, con quella di voltura della Dia. Nel caso di donazione da padre a figlio di un immobile da adibire ad abitazione principale e di stipula di un mutuo ipotecario da parte del neoproprietario per ristrutturarlo, è possibile detrarre gli interessi passivi pagati in dipendenza del finanziamento perché risultano soddisfatte le due condizioni temporali richieste dalla normativa: i lavori di completamento del fabbricato sono iniziati nei sei mesi successivi alla stipula del mutuo e il leggi tutta la news

Ristrutturazioni e bonus “energia”, novità per le spese del 2008

pubblicato il 30 gen 2008 in edilizia agevolata
Si può usufruire dell'Iva ridotta al 10% per lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria anche senza indicazione in fattura del costo della manodopera che, invece, va sempre segnalato per poter usufruire della detrazione del 36% per le spese di ristrutturazione edilizia. Il beneficio della rateazione da tre a dieci anni per le spese di riqualificazione energetica e l'esonero dalla presentazione della certificazione per la sostituzione di finestre e l'installazione di pannelli solari non hanno effetto retroattivo, si applicano dal leggi tutta la news

Ristrutturazioni condominiali, il tetto di 48mila euro spetta per ogni abitazione posseduta

pubblicato il 29 gen 2008 in condominio, tasse e imposte
Nel caso di interventi di ristrutturazione sulle parti comuni di uno stabile nel quale una stessa persona è proprietaria di più case, l'importo da portare in detrazione è la somma delle quote spettanti per ogni unità immobiliare. Il tetto massimo di spesa su cui calcolare il beneficio è di 48mila euro per abitazione. La richiesta di una contribuente, che possiede in quota percentuale più appartamenti situati nello stesso stabile, consente all'agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 19/E leggi tutta la news

Bonus ristrutturazioni, non sempre va allegata la Dia

pubblicato il 13 nov 2007 in edilizia agevolata
L'obbligo viene meno per gli interventi "esonerati" dalla normativa edilizia locale. Ai fini della detrazione del 36% delle spese sostenute per lavori di ristrutturazione, non è obbligatorio allegare la dichiarazione di inizio attività quando l'intervento rientra tra quelli per i quali la normativa edilizia locale non prevede alcun titolo abilitativo. Questo è il parere dell'Agenzia espresso, con la risoluzione n. 325/E del 12 novembre, a seguito di una richiesta di interpello volta a conoscere se era consentito sostituire la Dia con una leggi tutta la news

Ristrutturazioni: doppio bonus con le parti comuni

pubblicato il 21 ago 2007 in edilizia agevolata, tasse e imposte
Il contribuente che esegue interventi edilizi per i quali scatta lo sconto Irpef del 36%, sulla casa e sulle parti comuni, ha diritto a un doppio bonus fiscale. Che spetta anche dopo le nuove regole previste, dal 1º ottobre 2006, dall'articolo 35, comma 35-quater, del Dl 223/2006 (legge 248/2006). Le spese per lavori sulle parti comuni degli edifici, essendo oggetto di un'autonoma previsione agevolativa, si considerano in modo autonomo. È questa la risposta dell'agenzia delle Entrate, contenuta nella risoluzione 206/E del leggi tutta la news
Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
Powered by WordPress
Powered by FeedBurner
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet