La Tarsu va sempre pagata

pubblicato il 11 nov 2006 in varie
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto)

La legge italiana non contempla l’esonero dal pagamento della tassa sui rifiuti solidi urbani per il mancato utilizzo di un immobile, derivante dalla volontà o da una esigenza del contribuente.
La semplice occupazione o detenzione di un immobile obbliga al pagamento della Tarsu, e questo indipendentemente dall’uso che viene fatto del locale o dell’area. Non è rilevante che il cittadino utilizzi o meno il servizio fornito dall’ente, l’obbligo del versamento del tributo rimane comunque.
Il semplice possesso dei locali genera l’obbligo al pagamento del tributo, a prescindere dall’attività che in essi viene svolta. Il parametro principale per determinare l’entità della tassa rifiuti è infatti la superficie dell’immobile.
Nel caso in cui le amministrazioni locali decidano una riduzione del tributo, in relazione alla minore utilizzazione del servizio (ad esempio per gli usi stagionali), queste misure di temperamento avvengono in percentuale e non prevedono affatto l’esonero totale.
I locali sui quali non è prevista la Tarsu sono esclusivamente quelli ubicati in zone impraticabili, intercluse o in stato di abbandono.

Vota questo articolo!
Lascia un Commento
Nome (obbligatorio)
Email (obbligatorio)
Messaggio

Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
Powered by WordPress
Powered by FeedBurner
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet