MATTONE SCIVOLOSO

pubblicato il 11 gen 2007 in varie
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto)

Comprare casa da oggi diventa più sicuro. Arriva infatti un vero e proprio vademecum con il chiaro intento di mettere in guardia i consumatori dai falsi agenti immobiliari. La novità è che a redigerlo è stata la Fiaip, la Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali che rappresenta circa 11mila agenti in tutta Italia. Sono cinque gli aspetti che ogni acquirente di un immobile deve osservare durante le trattative, sostengono dalla Federazione. Anzitutto, l’abilitazione professionale dell’agente immobiliare, come si fa? “Semplice – spiega Franco Arosio, Presidente della Fiaip – basta farsi mostrare il tesserino e verificarne gli estremi”.

Già, perché per svolgere questa professione ci si deve iscrivere a un apposito Ruolo tenuto presso le Camere di Commercio, iscrizione che avviene, sia per chi svolge l’attività privata che per una società, al superamento di un esame. Non solo, l’agente immobiliare deve dotarsi di una polizza assicurativa per responsabilità professionale a beneficio della sua clientela. Attenzione, dunque, agli abusivi: chi non è iscritto non può svolgere l’attività e in caso di segnalazione rischia di pagare una multa tra i 500 e i 2mila Euro. Pertanto, avvocati, commercialisti e architetti non possono svolgere l’attività di venditore immobiliare a meno che non rinuncino all’iscrizione nel proprio Albo.

Secondo la Federazione degli Agenti Immobiliari, i consumatori devono avere occhi aperti anche sulla modulistica. La Legge, infatti, prevede che l’agente immobiliare utilizzi appositi moduli depositati presso le Camere di Commercio perché proprio queste vigilano sulla correttezza dei moduli usati. Perciò, è molto importante controllare accuratamente che sui documenti di incarico, proposta di acquisto, locazione vi siano gli estremi di deposito oltre ai dati di iscrizione all’Albo dell’agente immobiliare.

Più scrupolosa ancora la Fiaip, che ha elaborato i suoi moduli in collaborazione con le principali associazioni di consumatori. L’intermediario immobiliare deve operare sempre con correttezza, vale a dire con imparzialità ed equidistanza dalle parti. Per questo, il primo compito di ogni agente è di fornire una corretta valutazione di mercato dell’immobile; nel caso poi gli venga affidato l’incarico deve accertarsi in tempo della situazione giuridica, urbanistica e legale dell’immobile e deve poi presentare al possibile cliente tutte le informazioni in suo possesso. Senza per questo tralasciare tutte le informazioni relative ai costi e alle incombenze fiscali e legali che comporta la compravendita. Per quanto invece riguarda il compenso, non esiste una Legge che stabilisca l’importo della provvigione, che viene perciò decisa liberamente tra cliente e agente; tuttavia, le Camere di Commercio periodicamente redigono degli importi indicativi.

Dal 2007 poi la provvigione pagata sarà detraibile dalle imposte fino alla concorrenza di mille euro, mentre tra le misure anti-evasione, è stato di recente imposto di dichiarare il compenso percepito negli atti di vendita con i relativi dati di iscrizione al Ruolo degli agenti immobiliari in modo da evitare che l’attività di intermediazione possa venire esercitata da abusivi. Insomma, poche regole da seguire, ma efficaci per evitare fregature.

Vota questo articolo!
Lascia un Commento
Nome (obbligatorio)
Email (obbligatorio)
Messaggio

Home | Cerca Annunci | Valutazioni gratuite | Preventivi Mutuo | Inserisci richieste | Consulenza Gratuita
Chi siamo | Cosa offriamo | Pubblicità | Condizioni di utilizzo | Privacy Policy | Contatti | Credits
Powered by WordPress
Powered by FeedBurner
clubCasa.it ® - Centrosì S.r.l. - P.IVA 04837181009 - Tribunale Roma n.1532/95
Ogni marchio registrato è di proprietà dei legittimi possessori
IQNet